La società ha organizzato in varie parti d'Italia per conto di Amministrazioni Locali, Ordini Professionali, oppure di propria iniziativa, 18 seminari di aggiornamento sul restauro dei beni architettonici destinati a professionisti interessati alla materia. I seminari prevedono 10 materie con 40 ore di lezione nell'arco di una settimana. Per facilitare la frequenza senza sguarnire gli uffici o gli studi professionali, sono stati utilizzati anche i fine settimana.
Il tutto nella consapevolezza che operare nel restauro, o comunque nella conservazione dei beni culturali, presuppone la conoscenza di nozioni e metodi che raramente appartengono all'ordinario insegnamento scolastico: sono frutto di ricerche ed esperienze autonome che, nella loro singolarità, costituiscono un "mestiere".
Basti pensare alla differenza tra il progetto architettonico e quello di restauro, dove il primo trova compimento prima di iniziare le opere ed il secondo si forma nel corso dei lavori in base alle realtà oggettive che il soggetto da restaurare disvela progressivamente.
I nostri seminari intendono proporre le azioni più frequenti che caratterizzano questo lavoro. Un particolare progetto formativo è stato studiato e realizzato per le scuole elementari e medie di due Comuni della Sardegna, coinvolgendo anche i genitori degli alunni. Ha comportato un breve periodo di formazione per genitori e insegnanti, dopo di che questi ultimi, affiancati da nostro personale con la funzione di tutor, hanno organizzato delle ricerche sul restauro e sul patrimonio culturale locale nell'intento di avvicinare i giovani al mondo dei beni culturali oltre che far loro conoscere nuove attività lavorative. Ha destato particolare interesse negli alunni portatori di handicap, come hanno confermato gli insegnanti di sostegno. Il progetto si è concluso con la pubblicazione di un libro La Scuola e i Beni Culturali.